Email Marketing – Così facile, così difficile (4)

emailContinuiamo la nostra breve guida all’e-mail marketing,  parlando oggi dell’analisi e scelta del software da utilizzare.
In base agli obiettivi preposti, scegliamo un software o un’applicazione con cui realizzare la campagna di email marketing. Anche in questo caso, consigliamo di riflettere a fondo inizialmente per scegliere il sistema migliore

Il software dovrebbe avere i seguenti requisiti:

  • gestione completa dell’elenco di indirizzi
  • funzione di comunicazione e integrazione con il sito aziendale (per acquisire direttamente gli indirizzi dal form eventualmente presente nel sito aziendale)
  • possibilità di selezionare i destinatari della email per campi (cap, città…)
  • funzione tracking/report dei risultati generali e individuali
  • funzione di personalizzazione dei messaggi: poter scrivere una mail genericamente indirizzata a “Gentile [NOME]” e fare in modo che il sistema si occupi di inserire il nome di ogni destinatario
  • sicurezza dei dati

Quali sono i software che hanno queste caratteristiche? Iniziamo col dire che i tradizionali client di posta elettronica (Outlook, Outlook Express, Thunderbird….) non hanno queste funzioni. Anche perché non è il loro mestiere: queste applicazioni servono a gestire la posta elettronica personale, non campagne di e-mail marketing. Esistono diversi software, anche gratuiti, che invece sono specifici per questa attività.

Creazione del messaggio da inviare
La creazione del messaggio non è così banale e semplice come potrebbe apparire, ma deve tener conto di vari aspetti. Occorre infatti analizzare e sviluppare bene tutte le sezioni e le componenti del nostro messaggio.

  • Il campo “da”: specificate bene nome e cognome del mittente (meglio se una persona, meglio se l’indirizzo e-mail del mittente è un indirizzo aziendale e non privato).
  • Il campo “oggetto”: l’oggetto deve essere chiaro, breve, contenere già un’anticipazione del contenuto della mail. Evitiamo il MAIUSCOLO e non esageriamo con il gergo troppo commerciale (ad esempio OPPORTUNITA’ IRRIPETIBILE). Evitiamo anche oggetti tipici dello spam (ad esempio HAI VINTO 100.000 EURO!) e i riferimenti a sesso, viagra o cose simili: è un’ottima ricetta per finire nella posta indesiderata!
  • Il campo “intestazione” : se abbiamo scelto una mail html (che ha il vantaggio di consentirci l’utilizzo di colori, formattazione avanzata e immagini) possiamo inserire un’intestazione, proprio come in documento word.
  • Il corpo della e-mail: il nostro testo dovrebbe essere conciso ma esauriente; la nostra mail dovrebbe essere conclusa con una specifica “call to action” (un invito a fare qualcosa), coerente con quanto abbiamo deciso negli obiettivi della nostra campagna. Cosa vogliamo ottenere? Una risposta? Vogliamo che i destinatari visitino il nostro sito? Vogliamo che acquistino online il nostro prodotto o servizio?
  • Il piè di pagina: vale lo stesso discorso che per l’intestazione.
  • La firma: inseriamo i nostri riferimenti personali e al limite un payoff o uno slogan che invitino il nostro destinatario a visitare un sito o a inoltrare la nostra mail a un amico. Potremo sfruttare così le capacità di marketing “virale” della posta elettronica: se riceviamo qualcosa di interessante spesso lo giriamo così com’è ai nostri amici o colleghi.

(continua…)

Annunci

One thought on “Email Marketing – Così facile, così difficile (4)

  1. Pingback: Web Marketing – collezione completa « maxferrari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...