Guida pratica per un progetto sui Fondi Interprofessionali

Il tema è certamente molto complesso e non pretendo certo di risolverlo con questo articolo. Ma mi rendo sempre più conto che molte imprese si bloccano all’inizio, cioé non riescono a capire come passare dal “voglio fare un corso e farmelo finanziare dai fondi” al progetto approvato. Quello che voglio fare qui è offrire un guida for dummies che consenta di verificare almeno la presenza delle condizioni minime. Per cominciare, riciclo qualche post del passato:

All’atto pratico, se si vuole capire la fattibilità di un progetto si deve verificare quanto segue:

UTENTI – ORE DI CORSO PREVISTE
Questa è la cosa più importante. Il contributo viene fuori dal calcolo NR UTENTI * NR ORE * PARAMETRO. Il parametro cambia da fondo a fondo.
Quante persone/quante ore? Attenzione: gli apprendisti non “valgono” e nemmeno i soci o amministratori. Per il conteggio, valgono solo i dipendenti (no co.pro).

QUANDO – QUANTE RISORSE SI RACCOLGONO
Questo dipende da parecchie cose: per fare un esempio pratico di un micro progetto da  2-3000 euro bisogna avere grosso modo 4 persone per 40-45 ore.

E POI?
Quando ci sono tutte le informazioni, ci vuole un ente di formazione accreditato che scriva il progetto, raccolga i materiali (documenti da firmare, DM10, elenco partecipanti….), trovi il bando giusto sul fondo giusto e lo faccia approvare.

QUALE FONDO
Se si vuole, si può controllare se l’azienda è eventualmente già iscritta a qualche fondo o no. Basta guardare se nel loro modello di denuncia contributiva DM10/2 è presente uno dei codici elencati qui: http://www.askconsulting.it/ita/fondi/approfondimenti/come_aderire_ad_un_fondo_paritetico_interprofessionale.html. Se non lo fosse, non è un problema: può aderire un mese per l’altro.

Arrivati a questo punto, finalmente si passa a costruire il vero progetto…

Annunci

One thought on “Guida pratica per un progetto sui Fondi Interprofessionali

  1. Leggo solo ora questo articolo. Approvo pienamente quanto scrivi: un’utile “mini” guida per districarsi nel poco conosciuto mondo dei Fondi Interprofessionali, che rappresentano un validissimo strumento perchè le imprese possano farsi finanziare al 100% progetti formativo/consulenziali. C’è di più. Esistono fondi che riescono a riconoscere il credito formativo anche alle PMI.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...